Registrati | Accedi

News & scritti

Ricerca

Autore:

Titolo:

Anno (le 4 cifre):

Genere:


Premio fedeltà: aumento del costo!

Sono certa che anche voi vi siete trovati in una situazione simile almeno una volta nella vita, in Italia forse anche molto di più di una volta, anzi direi spesso a ben guardare le offerte per nuovi e vecchi abbonati della telefonia. Parlo del rincaro come offerta strabiliante per la vostra fedeltà di appartenenza ad un servizio. In questo caso mi riferisco alla palestra.

La mia palestra, o almeno quella in cui sto andando fino ad ora, ti massacra con proposte di rinnovo a partire da sei mesi dalla scadenza, ed in effetti nei quattro anni che ci sono stata un minimo di convenienza c'è stata, soprattutto l'ultima volta con un bellissimo sconto per un anno e mezzo di frequentazione. Ma ora si sono montati la testa. Presi dalla frenesia dell'allargamento, di aggiunta di attività a contorno e modifiche estetiche, a scapito delle attrezzature sempre più datate e meno efficienti, probabilmente cercano di raggranellare quanti più fondi possibili. Niente di sbagliato in questo se non fosse che le offerte migliori le stanno facendo per i nuovi abbonamenti.

Ma neanche questo può essere visto come un errore, sono scelte imprenditoriali, tuttavia farmi una proposta che mi porta a spendere molto di più rispetto all'abbonamento corrente con la pretese di convincermi che si sta considerando proprio che sono una vecchia cliente, mi sembra proprio da fuori di testa. Non solo, ora si sono inventati pure docce ed asciugacapelli a pagamento, tuttavia anche rinunciando a quelli andrei comunque a spendere di più. 

Incredibile! Ma poi perchè? Il servizio di cui dovrei usufruire (se includo doccia e ed asciugacapelli) è sempre lo stesso ma con attrezzatura sempre più vecchia e frequenti spostamenti di macchinari per adattarsi agli avanzamenti dei lavori. Ognuno porta avanti il suo business come crede ma se vuoi tenerti la clientela in un mercato con tanta concorrenza devi offrire una convenienza in termini di costo e qualità. Se viene meno la qualità e ci sono dei disagi sarebbe meglio assicurarsi che il cliente abbia sempre la convenienza a restare, soprattutto se ti serve liquidità per i tanti investimenti, soprattuto se il cliente non ti ha mai dato problemi di nessun tipo. 

Io non ho battuto ciglio, ho solo preso tempo con una scusa. É da un po' che comunque ho desiderio di cambiare. Le stesse cose dopo un po' mi stanno strette. Diciamo che così avrò meno remore a lasciare per l'affetto verso compagni di palestra ed istruttori, e zero per aspetto convenienza del tutto assente. In un certo qual modo mi danno una mano a decidere facendomi mettere da parte il sentimento che mi lega alle persone, nonostante la mia continua sete di novità.

Di certo non sarebbe una cattiva idea mettere da parte qualche soldino da investire per seguire qualche corso gestionale, sono certa che anche le associazioni di categoria ogni tanto ne organizzano. Due o tre rudimenti per evitare errori grossolani, chiedersi poi come mai clienti e collaboratori stiano andando via mi sembra davvero un po' troppo arrogante!


Amanda Decori pubblicato il 22.02.2018 [ Blog ]


  Vuoi dare il primo "Mi piace" a questo scritto?


Commenti dei lettori
Per lasciare un commento Registrati | Accedi