Registrati | Accedi

News & scritti

I bus a due piani con pieno a base di caffé

biocarburante dai resti della bevanda

La notizia positiva speriamo resti tale, insomma non salti fuori il classico rovescio della medaglia che ci farebbe inorridire dopo qualche mese di entusiasmo per l'ecologica notizia. Non è la prima volta che una svolta verde abbia poi portato più conseguenze dell'inquinante che si voleva eliminare. Ma noi siamo ottimisti e leggiamo questa volontà di recuperare i residui delle produzione della bevanda fra le più amate al mondo per contribuire ad alleggerire il problema delle emissioni dannose nelle atmosfere delle nostre megalopoli. E sì proprio megalopoli essendo Londra, in particolare i suoi mitici bus a due piani, ad avere il privilegio di poter utilizzare, senza alcuna particolare modifica meccanica, del carburante con il 20% di olio ricavato della mamma del caffè. In questo modo si otterrebbe il doppio risultato di riciclare dei rifiuti ed emettere meno inquinanti nell'aria. Questa notizia ci fa esaltare ancora di più pensando che potremmo diventare i maggiori produttori al mondo del biocarburante, noi italiani caffettari e nervosetti. Divertente immaginare città con diversi aromi nell'aria, Roma più arabica, Milano più colombiana. E se poi si scoprisse che si può ricavare biocarburante anche dalla marijuana? Che aria tirerebbe in città?


Amanda Decori pubblicato il 21.11.2017 [ Attualità ]


  Vuoi dare il primo "Mi piace" a questo scritto?


Commenti dei lettori
Per lasciare un commento Registrati | Accedi