Registrati | Accedi

News & scritti

Ricerca

Autore:

Titolo:

Anno (le 4 cifre):

Genere:


Spaventosa malattia o sindrome Morgellons

Nuovi collegamenti con la borreliosi o malattia di Lyme?

Morbo o sindrome di Morgellons suona minaccioso ma sono le parole morbo e sindrome a mettere in allarme, il nome proprio invece è musicale, ricorda un po' la fata Morgana. Il terrore poi assale letteralmente quando ci si addentra nel significato. Non ne avevo mai sentito parlare, come del resto tante cose. Lo zapping per noia mi porta ad imbattermi anche in trasmissioni interessanti scartate a priori a causa del titolo angosciante. Così mi ritrovo sintonizzata a seguire un "Malattie misteriose" o "Parassiti dentro di noi" o qualcosa del genere di per sé già inquietante come titolo.
Ho iniziato a seguire il documentario per via dell'immagine che mi ha accolto al cambio di canale: delle fibre colorate che fuoriuscono da piccole ferite dell'intervistata.  Voglio assolutamente sapere di che cosa si tratti, quale eccentrico parassita sia in grado di produrre quel fenomeno. Da quel che ho capito il personaggio che narra la sua disavventura è noto negli Stati Uniti e questo da una certa credibilità alla vicenda. Non sapevo che stavo per infilarmi in un grande e sconvolgente mistero.

Viene descritto un qualcosa che non si riescie a capire se derivi da un misterioso organismo patogeno oppure sia l'effetto di disturbi mentali, come per esempio la parassitosi allucinatoria in cui il paziente ha la sensazione di essere infestato da parassiti inesistenti. Il dibattito è dolorosamente aperto e, a quanto pare, non esistono prove scientifiche in grado di escludere nessuna delle due ipotesi.
La manifestazione del morbo o sindrome o semplicemente Morgellons avviene tramite forti sintomi sulla pelle quali fitte dolorose, persistenti pruriti, apertura ulcere o lesioni da cui fuoriescono delle fibre che comunque appaiono in generale sottocutanee. Un po' quello che succede con i peli incarniti, li vediamo sotto pelle finché non riescono a bucare l'epidermide, da soli o grazie all'aiuto di pinzette, e a quel punto li estraiamo. Può anche accadere che si formino dei piccoli bubboni con del pus, esattamente come con le strane fibre. Le persone affette dal morbo hanno dichiarato di essere costrette ad estrarle perché prurito, fastidio e dolore sono davvero insopportabili.  
Si è ipotizzato che esse appartenessero ai tessuti presenti negli ambienti familiari e che venissero inglobati in qualche modo, magari proprio grazie alle ferite autoinferte. Sulla loro natura si è dibattuto molto per poi scoprire che sono di origine organica, non sintetica e che nessun prodotto dall'industria presenta la stessa struttura. Ancora si è immaginato che la loro origine fosse dallo spazio tramite meteorite, un virus alieno in grado di far produrre alla stesso corpo umano quei bizzarri e colorati fili. Sono state tirate in ballo persino le onnipresenti scie chimiche nei cieli, spesso considerate come l'origine di tanti misteri. 
Qualunque cosa sia ha delle conseguenze devastanti su chi ne è affetto, persino dal punto di vista sociale. Non essendo nota l'origine, la malattia non è riconosciuta e le persone non sono credute, anzi vengono guardate con sospetto. Il passo verso l'essere additati come degli psicotici è davvero breve. La trasmissione conclude lasciando il dubbio ma decisamente più propensa a favore delle persone interessate dal mordo di Morgellons, indicandole appunto come vittime di una malattia sconosciuta.

In internet si trovano in prevalenza notizie a favore della tesi allucinatoria della sindrome, escludendo l'origine infettiva. Tuttavia un articolo comparso il cinque marzo scorso nel sito dedicato alla Malattia di Lyme o borreliosi, ossia la malattia generata dalle zecche, mette in dubbio i criteri che hanno portato ad una classificazione affrettata del morbo di Morgellons come “malattia puramente delirante”. In particolare si riporta che: "... le fibre sono proteine ​​strutturali umane... il risultato di una risposta aberrante alla presenza di agenti patogeni da zecche" (cit.).

Resto in attesa di ulteriori sviluppi e approfondimenti, nel frattempo ho impresso negli occhi quei filamenti colorati fuoriuscenti dalla pelle come se si trattasse di cavi elettrici. Un incubo!

Si trovano diversi filmati su Youtube ma ne sconsiglio la visione in caso di soggetti sensibili, le immagini hanno un impatto forte, ripugnante e possono creare un grande turbamento. 


Amanda Decori pubblicato il 13.04.2018 [ Curiosità ]


  Vuoi dare il primo "Mi piace" a questo scritto?


Commenti dei lettori
Per lasciare un commento Registrati | Accedi