Registrati | Accedi

Autori

Uno scritto a caso

Fritz il mio amico cane
[scritto]
annibale bertollo
12.10.2011

La grammatica di corpo e anima

Un nuovo strumento per allenare la creatività

Comunemente la scrittura viene ritenuta un’attività noiosa, statica, esclusivamente introspettiva, fatta di silenzi, concentrazione e un lento ipnotico incedere del movimento delle dita sulla tastiera di un pc, o con una penna su un foglio di carta. Questa concezione fa desistere molti dal desiderio di cimentarsi con la scrittura, che viene ritenuta un’attività riservata al popolo degli introversi, una minoranza silenziosa, invisibile, che preferisce la lettura di un buon libro ad una serata in discoteca con gli amici, che ha bisogno di due giorni di decompressione se ha partecipato ad un evento mondano in cui erano presenti tante persone con cui sono entrate a contatto. L’introverso è ritenuto più sensibile, empatico, intelligente, profondo e creativo rispetto all’estroverso, a cui invece vengono attribuite attività maggiormente orientate al dinamismo e al movimento fisico. Mentre i pensieri, le parole e le azioni dell’introverso sono maggiormente rivolte all’interno del proprio animo, quelli dell’estroverso sono al contrario concentrate sull’esterno,verso l’ambiente e il mondo circostante all’interno di cui si muovono. Introverso è colui che tiene un diario quotidiano, la sera termina la sua giornata dedicando qualche ora alla stesura dei pensieri e stati d’animo intercorsi durante la giornata, ascolta musica, si emoziona guardando un film muto degli anni 20, è capace di stare in compagnia degli altri e di restare in silenzio senza provare disagio perché sa che la comunicazione con gli altri può realizzarsi su vari livelli. Estroverso è il contrario dell’introverso, è un tipo atletico, ama l’attività fisica, pratica uno o più sport, è socievole, ama stare in compagnia, riempie la sua giornata con svariati impegni. E’ competitivo, ambizioso, ha in grande considerazione la posizione sociale, brama il successo personale e professionale, si sente realizzato se riesce a produrre qualcosa di materialmente significativo.

 

L’introverso ama le cose semplici, è contemplativo, la sua vita procede con ritmi lenti, sembra vivere in modo diverso, con maggiore calma e rilassatezza, gli affanni della vita quotidiana. E’ creativo, ama la natura, si strugge davanti ad un tramonto in riva al mare, sa emozionarsi per il cinguettio degli uccelli in mezzo ai boschi.

L’estroverso ama la natura ma non si sente parte di essa, la teme e la rispetta, la sfida con l’attività fisica ma non si fonde con essa, non prova il calore di sentirsi avvolto dai raggi del sole, non sperimenta il piacere di sentirsi cullare dalle onde del mare. Non chiude gli occhi per osservare la natura con lo sguardo interiore perchè teme di perdere di vista qualcosa, magari un passante, un altro essere umano che possa attirare la sua attenzione. Più che la natura, per l’estroverso è importante ciò che la riempie, e così facendo oggettivizza montagne, alberi, corsi d’acqua, rocce.

L’introverso ama le arti, l’estroverso preferisce andare allo stadio che ad una mostra di opere d’arte o a teatro.

L’introverso legge una media di dieci libri l’anno, adora i classici russi, “Le notti bianche” di Dostoevskij è stata la sua prima lettura importante e trascorre la sua adolescenza tra lunghe passeggiate notturne senza meta in una città senza nome buia e incantata, alla ricerca della sua Nasten’ka.

L’estroverso compra il suo primo e ultimo libro ai tempi del liceo, probabilmente si tratta  di “Siddharta” di Hermann Hesse che gli è stato suggerito da una ragazza che vuole rimorchiare e allora prova a leggerlo per fare colpo su di lei ma probabilmente lo abbandona  a pagina 15 perché troppo noioso.

L’introverso scrive racconti e romanzi, ne pubblicherà anche qualcuno nel corso della sua vita, l’estroverso tramanda le sue storie oralmente, anche quelle inventate, soprattutto quando si tratta della storia della sua vita e decide di romanzarla ed edulcorarla per far colpo sulle ragazze. Magari cercherà di rimorchiare una ragazza introversa, che sa ascoltare, ed utilizzerà le storie narrate dall’estroverso come fonte d’ispirazione per i suoi racconti.

Secondo questa tradizionale suddivisione, la scrittura e in generale la creatività sarebbero quindi appannaggio esclusivo degli introversi, che darebbero luogo ad una vera e propria “dittatura della minoranza” in ambiti legati alla cultura e all’arte. Anche io, da introverso, ho sposato questa teoria e vi sono rimasto fedele per anni. Sentirsi diverso dagli altri, speciale, “uno dei pochi”, riveste sempre un fascino magnetico ed irresistibile per taluni. La vita e l’esperienza mi hanno invece fatto ricredere.

La creatività non è un’esclusiva di pochi, ma appartiene a tutti, senza distinzione di genere, specie, razza o chicchessia. E, cosa più importante, mi sono reso conto che essa non si nutre dell’intelletto, dell’ingegno e del pensiero concettuale, non è racchiusa dentro la testa e tra i meandri del pensiero, della mente e dei circuiti neuronali, ma risiede nel luogo più inaspettato che potessi immaginare: il corpo. Il tempio dell’essere, dove hanno sede le sensazioni, emozioni e sentimenti che sono alla base della creatività. Il mio percorso di vita mi ha ricordato che non siamo fatti di solo spirito ma anche di carne, ossa e muscoli e che il movimento corporeo può essere un veicolo per stimolare l’immaginazione creativa e far emergere l’ispirazione per le proprie storie. La connessione fra corpo e mente è un espediente che consente di far emergere determinate sensazioni ed emozioni, un nuovo sentire che ci permette di associare un distretto corporeo ad una determinata esperienza interiore.

Grazie a questo lavoro su me stesso la mia creatività è diventata più dinamica, ho cominciato a “muovermi” in modo diverso, anche all’esterno di me, nello spazio, cercando una congiuntura tra i miei sensi e l’ambiente.  Prima di scrivere devo muovermi, ballare ed ascoltare musica per stimolare l’emersione del sentimento che voglio narrare. Da quella condizione posso poi accomodarmi alla scrivania e scrivere, oppure continuare a muovermi e scrivere mentre cammino, o ancora scrivere all’aperto mentre sono steso in un prato e porto l’attenzione alla morbida e profumata erba sotto di me.

Provate anche voi questo semplice esercizio. Chiudetevi in una camera sufficientemente grande da consentirvi di muovervi, assicuratevi che nessuno vi disturbi e mettete una musica lenta e meditativa. Suggerisco brani di Enya o dei Sacred Spirits:

Immagina… la linea del tempo. Davanti a te si dirama la tua vita nel futuro, i tuoi desideri,i sogni, la vita che vorresti. Ma anche le tue ansie, le paure, preoccupazioni. Alle tue spalle invece c’è il tuo passato, la tua storia, le esperienze che hai vissuto, la tua vita, gli incontri che hai fatto, le persone con cui hai condiviso il tuo cammino fin qui.

Ora esplora lo spazio intorno a te, immagina che ciascuna porzione della stanza rappresenti una delle due dimensioni,  spostati tra esse e porta l’attenzione al corpo. Che sensazioni provi stando in quel mondo? Senti il contatto con la terra, cosa cambia da una dimensione ad un’altra? Come cambia la percezione del suolo in ciascuna delle dimensioni? Esplora ciascun mondo con tutti i sensi. Quali odori, rumori, sapori, contraddistinguono e differenziano ciascuno spazio? 

Ora scegli una delle due direzioni ed esplora questo mondo più approfonditamente. Dove sei? Osserva l’ambiente che ti circonda. Quali persone incontri? Danza insieme a loro! Interagisci con loro, osserva ciò che ti dicono, i dialoghi che hai con loro. Quali sono le situazioni in cui ti ritrovi? Quali emozioni emergono? Tristezza, malinconia, gioia, rabbia? Dove le senti all’interno del corpo? Ora risali la linea del tempo, arriva fino al presente. Torna nel qui e ora, in un angolo della stanza che lo rappresenti. Da qui, da questa prospettiva distaccata, osserva gli eventi che hai vissuto, immagina di doverli narrare. Imprimi nella mente gli eventi salienti che stai osservando, le emozioni che ti provocano, i sentimenti che emergono. Prova a narrare anche questi.

Prenditi un momento per te, scrivi la tua storia, prova a riportare per scritto gli eventi del tuo passato o del tuo futuro.

Partendo dal corpo non vi è più distinzione tra l’interno e l’esterno, chiunque può esercitare la creatività. Basta allenarsi, studiare e sperimentare “La grammatica di corpo e anima”.


Arsenio pubblicato il 13.11.2017 [Saggistica]


  Vuoi dare il primo "Mi piace" a questo scritto?


Commenti dei lettori
Per lasciare un commento Registrati | Accedi