Registrati | Accedi

Autori

Ricerca

Autore:

Titolo:

Genere:


Uno scritto a caso

MASO
[scritto] Una ragazza non sa che il suo insegnante di teatro è un pericoloso serial killer,scappato dal manico
giorgio salesi
21.08.2008

..Scrivere..

Un giorno qualcuno mi pose una domanda: cosa scrivi? perchè scrivi? e io, egocentrico e pomposo cercavo risposte che stupissero l' ingenuo querelante. Niente, non una parola, non un mormorio strozzato uscì dalla mia bocca. Pensavo, giocando con le parole, timoroso che l' estetica del mio pensare implodesse su se stessa; e solo adesso, a un anno di distanza posso forse ritenermi in grado di rispondere a quel qualcuno. Cosa scrivo? pensieri, parole, riflessioni elaborate in istanti di vita. Perchè? perchè altrimenti morirei, perchè vivo di pensieri che vogliono divenir reali, perchè se non scrivessi mi spegnerei come un bambino che non riesce a nascere, se non scrivessi piangerei, come piange una ragazza indifesa, se non scrivessi mi accascerei come un vecchio che cede al tempo che lo vuole. Un giorno qualcuno mi pose una domanda, era un bambino dai grandi occhi, ingenuo e curioso; era una ragazza, dolce e minuta; era un vecchio, saggio e malato. Io sono vita, natura, ma potrei essere morte, io sono spazio, sono tempo, ma potrei essere l' annichilirsi dell' universo, io sono una maschera indossata da un punto di domanda, io sono l' abito che cinge l' ignoto, io sono tutto quanto c'è di inutile nel mondo necessario però ad apprezzare il vero. Un giorno qualcuno mi pose una domanda, quel qualcuno ero io.


tommaso ciofi pubblicato il 04.06.2007 [Poesia]


  questo scritto ha 3 preferenze


Commenti dei lettori
Per lasciare un commento Registrati | Accedi